Perché Proteggere I Copyright Dei Software ?

Perché Proteggere I Copyright Dei Software ?

I programmatori e gli sviluppatori di software sono forse esperti nel loro ambito scientifico. Se provi però a chiedere a uno qualsiasi di loro, ti diranno che lo sviluppo di software non è solo una scienza, ma anche un'arte. Dopotutto, quando un team di coder sviluppa un software, il risultato finale altro non è che una sinergia creativa tra i vari membri. Se il codice di un software è quindi l'espressione della creatività del coder, come può essere tutelato?

La risposta è semplice: con il copyright. Le leggi sul copyright proteggono tutte le espressioni artistiche, compresi i software informatici. Per tale motivo, è importante che tutti i programmatori e gli sviluppatori sappiano esattamente come tutelare i loro software attraverso il copyright. Purtroppo, queste leggi sono ignote a gran parte degli informatici, il che si traduce spesso in problemi legali.

Onde evitare che la tua azienda si ritrovi in una situazione simile, ti spiegheremo in dettaglio cos'è il copyright dei software, perché è necessario e come ottenerlo. Approfondiremo inoltre alcune violazioni comuni dei tuoi diritti. Se pertanto ti occupi dello sviluppo di software, ti invitiamo a leggere questo articolo sino alla fine.

Basta indugiare. Facciamo una panoramica generale per poi scendere nei particolari.

Prima di spiegare come ottenere un copyright per proteggere i software, è importante comprendere innanzitutto di cosa stiamo parlando. In parole povere, il copyright dei software fa leva sulle leggi nazionali e internazionali in materia di diritti d'autore per tutelare il codice sorgente dello sviluppatore. Le leggi sul copyright variano a seconda del Paese ma, nella maggior parte dei casi, l'essenza resta identica.

Gli algoritmi o la logica alla base di un software non sono brevettabili e non è quindi possibile depositare una richiesta di brevetto. Tuttavia, è possibile proteggere tramite copyright l'espressione dell'idea, ossia il codice sorgente del programma. In linea generale, un programmatore ottiene automaticamente il copyright di ogni codice che crea, la cui validità è il più delle volte pari a 70 anni. Il copyright copre però esclusivamente il codice e non l'idea alla sua base.

Ora sai cos'è il copyright dei software e come funziona nella maggior parte dei casi. Ma perché è così importante tutelare i software con i copyright? Nella prossima sezione tratteremo proprio questo argomento.

I software sono unici, nel senso che non possono funzionare senza essere copiati. Per eseguirli, è necessario copiarli da un dispositivo di memoria terziaria alla memoria primaria del sistema. Si tratta di un processo inevitabile.

Essendo essenziale per il funzionamento del software, questa copia non è considerata un reato. Il problema si pone quando il codice del software viene copiato da terzi per ricavarne un profitto. La copia diretta come pure l'adattamento del codice del software in un altro linguaggio di programmazione informatica possono anche costituire una violazione del copyright.

Onde evitare un simile scenario, gli sviluppatori e gli editori si servono di diverse licenze per distribuire i loro software. Tuttavia, qualsiasi utente informatico sa che la pirateria dei software è attualmente un'industria multimiliardaria. Non appena viene creata una nuova applicazione software, compaiono centinaia di imitazioni, spesso con nomi e funzionalità analoghi.

Pertanto, se intendi proteggere il tuo software dal furto della proprietà intellettuale, è fondamentale sapere come utilizzare correttamente il copyright a tal fine.

Protezione dei copyright di software: i vantaggi

Abbiamo già menzionato che le leggi sul copyright possono tutelare il codice; adesso dobbiamo chiederci quali altri vantaggi offre la protezione dei software attraverso il copyright. Presentiamo di seguito una breve panoramica sui numerosi vantaggi di tale pratica.

Proteggi il tuo software con Vaultinum

Scopri le nostre soluzioni di deposito della PI

1. Diritti e proprietà effettivi

Ammettiamolo: lo sviluppo di un software richiede tempo e risorse. È quindi logico che i creatori desiderino proteggere il prodotto finale dal furto della proprietà intellettuale. Dopotutto, il codice che hai creato potrebbe essere l'unica soluzione a un problema specifico. Se altri sviluppatori avessero libero accesso al codice, potrebbero utilizzarlo in qualsiasi modo senza la tua autorizzazione.

Ma se hai ottenuto il copyright non possono farlo. Grazie al copyright, avrai il controllo totale sui diritti di proprietà del codice. Gli altri sviluppatori non possono utilizzarlo senza il tuo permesso. Disponi pertanto di un controllo effettivo sulla tua creazione.

2. Dichiarazione mondiale

Come detto in precedenza, nel momento in cui il codice è nel compilatore, hai diritto al copyright.

Ottenere il copyright di un software equivale a dichiarare al mondo intero che sei il proprietario del codice. A questo punto, nessuno può copiare il codice senza autorizzazione e sperare di farla franca.

3. Richieste di risarcimento danni più agevoli

Se intenti un'azione legale contro qualcuno per violazione del copyright, la titolarità legale ti permette di richiedere in modo più agevole un risarcimento danni. Data l'attuale facilità nel distribuire i software, le richieste di risarcimento possono ammontare a centinaia di migliaia di dollari. La presenza di un copyright consente di vincere facilmente queste cause.

4. Non devi preoccuparti dei brevetti

Nella maggior parte dei Paesi, la legge non consente di brevettare il software. Di conseguenza, le leggi sul copyright sono l'unico metodo per proteggere il software da eventuali usi illeciti. Inoltre, se il software è protetto da copyright, è possibile ottenere migliori condizioni nei diversi accordi di licenza.

Questi sono solo alcuni dei vantaggi offerti dalla protezione dei software con il copyright. Al contempo, è essenziale conoscere le possibili violazioni. Ne parleremo nella prossima sezione.

uomo con in mano il simbolo del copyright

1. Pirateria della licenza dell'utente finale

Gran parte dei software viene distribuita ai sensi di specifici accordi di licenza con l'utente finale (EULA). Se gli utenti finali violano i termini della licenza commettono un atto di pirateria. Questa pratica può assumere diverse forme, ad esempio l'utilizzo di un software senza licenza o l'uso di più copie del software rispetto a quelle di cui l'utente è autorizzato a fruire.

2. Software pre-caricati su dischi rigidi

Questo tipo di violazione si verifica quando sono venduti dei PC con software pre-caricati senza licenza. Molti rivenditori acquistano una licenza legale e poi creano copie illegali per usi multipli.

3. Software contraffatto

Si tratta della forma più comune di violazione del copyright, che consiste nel vendere una copia o una replica fittizia di un software spacciandola per una versione originale.

4. Distribuzione pirata su Internet

Sulla pirateria dei software online è già stato detto tutto; questa pratica comporta il caricamento di copie illegali di software su server di terzi. Nella maggior parte dei casi, è possibile scaricare gratuitamente tali copie.

Da quanto detto finora, una cosa emerge chiaramente: i software sono protetti dalle leggi sul copyright, mentre le invenzioni, anche quelle che utilizzano software, sono tutelate dai brevetti. Naturalmente, la portata di tale protezione varia da un Paese all'altro; in alcune regioni, è anche possibile brevettare le idee di software.

Sorge però spontanea una domanda: se il copyright dei software è un processo automatico e il codice sorgente ti appartiene, perché preoccuparsi in primo luogo del copyright?

In realtà, il problema è più complesso di quanto sembri. Oggi le aziende di maggior valore al mondo sono quelle tecnologiche. Che si tratti di Google, Apple, Microsoft o Samsung, nel XXI secolo è la tecnologia a dominare la scena. Persino le aziende tradizionali dipendono in modo massiccio dalle soluzioni tecnologiche per gestire le loro attività quotidiane.

E dove c'è tecnologia, ci sono software. Ma dove ci sono software, abbondano i procedimenti giudiziari. Quando utilizziamo la tecnologia non pensiamo realmente al fatto che le battaglie legali tra grandi aziende per la proprietà dei codici sono oggi all'ordine del giorno. Non appena un'azienda crea un software, altre ne imitano molto rapidamente le funzionalità e lanciano strumenti simili. Poiché le idee non possono essere brevettate, si pone la questione della proprietà legittima.

programmatori di software che discutono di lavoro

Ma perché la proprietà del codice è un concetto così complicato? Prova a chiedere a qualsiasi coder e ti risponderà che il coding stesso è un processo complesso e disordinato. Allo stesso tempo, è raramente un processo isolato, in cui un solo genio crea un codice rivoluzionario. Il coding e lo sviluppo di software sono al contrario processi collaborativi, in cui numerosi esperti uniscono le forze per realizzare un codice funzionale.

Ed è proprio lì che risiede il problema. Cosa succede se uno sviluppatore della tua azienda viene assunto da un concorrente e condivide parti del codice che ha creato mentre era alle tue dipendenze? Questa è una violazione diretta dei tuoi diritti di proprietà intellettuale e può avere enormi implicazioni finanziarie.

In un altro scenario, diverse aziende concorrenti possono cercare la soluzione a un medesimo problema. Capita spesso che queste aziende propongano soluzioni simili e cerchino di venderle. Come stabilire qual è stata la prima?

La questione deve essere risolta da una terza parte indipendente, in grado di verificare quale codice sia stato creato e distribuito per primo. In assenza di certificati recanti marche temporali, potrebbe essere difficile stabilirlo.

Ed è qui che entra in gioco Vaultinum.

Cosa può fare Vaultinum per te?

Hai presente quando si decide il vincitore di una corsa al fotofinish? Vaultinum fa esattamente questo nell'universo digitale. Proprio come il fotofinish, che permette di stabilire il primo corridore a tagliare il traguardo, Vaultinum consente di accertare la proprietà del codice.

Come funziona? Il processo è semplice: quando crei un codice, puoi registrarlo presso Vaultinum. Apponiamo a tal punto una marca temporale per dimostrare l'esistenza del codice in un determinato momento. Una volta registrato il codice, è possibile stabilire la sua proprietà utilizzando i certificati di Vaultinum.

Inoltre, al momento della registrazione, ti proponiamo anche accordi di escrow che garantiscono la continuità del business e la stipula di contratti con i clienti.

Grazie a tutte le caratteristiche e i vantaggi illustrati sopra, potrai dimostrare in tutta sicurezza i copyright dei software e dare slancio alla tua azienda.

Contattaci

Oggi il mondo evolve a un ritmo mai visto prima nella storia dell'umanità. Il codice informatico plasma il nostro pianeta in modi che non possiamo ancora immaginare. In un futuro prossimo, il codice e i software diventeranno gli asset aziendali più importanti. In tale scenario, il numero di controversie per dimostrare la proprietà del codice è destinato ad aumentare, come pure la loro complessità.

Attualmente, il quadro globale della proprietà dei software è alquanto frammentato. Le leggi sulla proprietà dei software variano da un Paese all'altro. Anche le norme sul copyright relative alla proprietà dei software mancano di uniformità. Destreggiarsi tra leggi e regolamenti così complessi può rappresentare una sfida insormontabile.

L'obiettivo di Vaultinum è semplificare questo processo attraverso i suoi servizi. Grazie ai nostri servizi che tutelano i diritti sulle loro creazioni, i professionisti dello sviluppo di software possono stare tranquilli. Vaultinum collabora con i migliori esperti del settore tecnico-legale per proteggere i diritti dei tuoi software.

Contattaci oggi stesso e uniamo le forze per rendere il mondo un posto migliore e più sicuro per il codice e i coder, con un minor numero di controversie legali e una maggiore utilità.

Per saperne di più sui depositi